I PROGETTI


Badhikel - Nepal

Nepal

Nel 2009 la Friûl Adventures - Fiore ha iniziato a sostenere i progetti dell'Associazione Onlus "Friuli Mandi Nepal Namaste". L'opportunità di collaborare con loro si è presentata con i fondi raccolti in occasione dell'undicesima edizione del "Concerto per un Fiore", luglio 2009, (tredicimila euro), con i quali abbiamo contribuito alla realizzazione di una scuola a Badhikel, piccola comunità nepalese. L'Associazione Friuli Mandi Nepal Namaste, con sede a Malborghetto, viene costituita nel 2005 per ufficializzare e regolarizzare il lavoro che, da dieci anni, un gruppo di Amici porta avanti a favore di una piccola comunità rurale nepalese incontrata casualmente durante un trekking. L'intento quello di aiutare i molti bambini che nel paese asiatico vivono in condizioni drammatiche e di estrema povertà. Nello specifico sono stati finanziati progetti riguardanti la costruzione di due scuole, una casa famiglia, un presidio medico, l'orfanatrofio e un centro per il recupero delle bambine prostitute.


Koudougou - Burkina Faso

Centro Oasis

Nel 2000, nel 2004 e nel 2007 le offerte raccolte sono andate direttamente nelle mani di un missionario laico friulano, Enzo Missoni, che nel Burkina Faso ha creato - con il solo aiuto di privati benefattori - il Centro Socio-Sanitario Oasis J.B.. Presso questo centro si provvede alla vaccinazione dei bambini, all'assistenza medica, al recupero di piccoli malnutriti, alla distribuzione regolare di miglio alle famiglie bisognose e alla cura di diverse centinaia di orfani che sono stati adottati a distanza anche da molti friulani. Presso questo centro, inoltre, hanno già operato e continuano ad operare nel corso di brevi viaggi in loco, alcuni amici della "Friûl Adventures - Fiore" per la sistemazione di impianti, macchinari e di alcune parti del complesso sanitario.


Mutoko, Harare - Zimbabwe

Fondatrici centro

Nel 2001, 2002, 2003, 2006 e nel 2008 i fondi raccolti sono stati destinati all'ospedale "Luisa Guidotti" di Mutoko ed all'orfanotrofio "San Marcellino" di Harare nello Zimbabwe. L'ospedale è stato fondato da due donne medico di Rimini nel 1969, si tratta di un centro che versa in uno stato di profonda indigenza e in cui sono insufficienti le attrezzature fondamentali o che a noi paiono addirittura irrinunciabili (come ad esempio l'acqua) ma che, nonostante questo, dà assistenza a tanti malati, molto spesso rifiutati da altri ospedali: il 40% dei suoi pazienti è affetto da Aids, ma ve n'è anche una grossa parte (soprattutto bambini) con problemi di tipo cardiaco.
Organizzatore e gestore del progetto relativo all'orfanotrofio è Carlo Spagnolli, un medico della Val di Fassa che lavora presso l'attiguo ospedale e che sta tentando di trovare una soluzione alla disperata condizione degli innumerevoli piccoli orfani locali. In tale struttura sarà fornito ai bambini vitto e alloggio, oltre all'assistenza medica e - soprattutto - scolastica, con la speranza che le nuove generazioni africane abbiano la forza e la consapevolezza per alzare la testa e vincere la propria condizione di assoluto disagio.


Tambobamba - Perù

Tambobamba

Nel 1999 e nel 2005 i fondi raccolti durante il concerto sono stati destinati al piccolo villaggio di Tambobamba, sulle Ande peruviane, per la costruzione di un centro di accoglienza per bambini e famiglie indigenti e per la realizzazione di una biblioteca e di una sala per il folklore presso il collegio "Casa Nazareth". Dal 1999 è stato inoltre adottato a distanza dall'Associazione un bambino peruviano.